Jerez de la Frontera

JEREZ DE LA FRONTERA COSA VEDERE

Jerez de la Frontera, cosa vedere, dove andare, cosa fare, guida e informazioni sullo sherry e il centro storico.

comincia il viaggio!!

gallery Andalusia!!

Trascorsa la seconda notte al Novotel di Siviglia, freschi e riposati prima di fare il check out ci siamo diretti al buffet per la sostanziosa colazione che ci aspettava.

Colazione Hotel Siviglia
Colazione Hotel Siviglia

Ripresa la macchina noleggiata, sistemata nel parcheggio sotterraneo, e impostato il navigatore, abbiamo salutato Siviglia, ma solo momentaneamente. Direzione Jerez de la Frontera, un centinaio di km a sud di Siviglia.

JEREZ DE LA FRONTERA CIRCUITO MOTOCICLISTICO

Il nome evoca subito il famoso circuito motociclistico dove si svolgono i gran premi di Spagna e d’Europa, ma utilizzato anche per gare di formula1. Il circuito è lungo circa 4.5 km e presenta ben 13 curve.

Circuito motociclistico a Jerez de la Frontera
Circuito motociclistico a Jerez de la Frontera

Siamo andati a dare un’occhiata, ma non essendoci gare o allenamenti il luogo era desertico, e non ci è rimasto altro da fare che delle fotografie verso un cancello d’entrata, vicino alla statua di Angel Nieto, un motociclista morto nel 2017.

JEREZ DE LA FRONTERA STORIA

Jerez de la Frontera, la cittadina vera e propria è localizzata una decina di km più avanti.

In questa parte della Spagna ci sono molte località che presentano nel nome anche la parola “de la Frontera” che in passato indicavano la loro posizione sul confine fra i  regni della Spagna araba e quella cristiana.

Castelli arabi, alcazar, sono arroccati sulle alture proprio per vigilare i territori conquistati e contro gli attacchi da parte dei re cristiani.

TRIANGOLO DELLO SHERRY

Da Jerez deriva anche il nome di un vino liquoroso, lo sherry, che può arrivare a una gradazione di 15 /18 gradi.

Panorami andalusi dall'autostrada
Panorami andalusi dall’autostrada

La cittadina di Jerez de la Frontera forma con  Puerto de Santa Maria e Sanlucar de Barrameda il triangolo dello sherry.

Cantine di sherry a Jerez de la Frontera
Cantine di sherry a Jerez de la Frontera

Due sono gli elementi che contribuiscono alla produzione di questa eccellenza:

  • Il terreno calcareo e gessoso di questa area, chiamato albariza;
  • La flor, una muffa derivante dall’aria marina, che si sviluppa sul vino, e lo protegge dall’ossidazione.

La popolarità di questa bevanda si deve grazie agli Inglesi che occuparono i territori alla fine del settecento. Essi migliorarono la qualità e la produzione, facendolo conoscere al mondo.

Con delle visite guidate è possibile accedere alle numerose cantine, bodegas, e scoprire le varie tecniche di produzione ammirando le enormi botti nelle quali viene conservato questo vino.

Naturalmente non manca, al termine della visita, una degustazione e la possibilità di acquistare i vini con le diverse gradazioni che possono essere “fino”, “manzanilla”, “amontillado”, “oloroso”.

Ognuno di questi vini viene utilizzato in momenti diversi del pasto e possono essere più o meno dolci o secchi.

In particolare a Jerez de la Frontera si produce il Gonzales Byass noto come Tio Pepe, riconoscibile dalla sagoma dell’uomo con il cappello.

ALCAZAR DI JEREZ DE LA FRONTERA

Alcazar di Jerez de la Frontera giardini
Alcazar di Jerez de la Frontera giardini

La nostra visita si è concentrata invece sulla fortezza araba degli almoravidi prima e almohadi dopo, che qui rimasero fino al 1264, prima di essere spodestati dai cristiani.

Alcazar di Jerez de la Frontera mura
Alcazar di Jerez de la Frontera mura

Allora la cinta muraria era lunga ben 4 km, mentre attualmente ne rimangono solo alcuni tratti, ma l’alcazar è ben conservato e una volta all’interno si possono visitare:

  • La Mezquita, una piccola moschea con la torre, il patio per le abluzionio e la sala quadrata delle orazioni con una volta ottagonale, la qibla ossia il muro, con il mihrab, la nicchia che indica la direzione della Mecca.
  • Il mulino dell’olio con una grande macina in legno.
  • Il patio de armas.
  • I bagni arabi, composti dalla sala fredda, tiepida e calda, illuminate con lucernai a forma di stella.
  • Una zona archeologica con forni e resti di acquedotti.
  • Il padiglione reale per il riposo con una vista su una piscina che ospita nei sotterranei le delle cisterne per la raccolta delle acque.
  • Una torre ottagonale dalla quale osservare la cittadina di Jerez ma anche tutto l’interno dell’alcazar.
  • L’orto e i giardini con fontane e piante esotiche.
  • Il palazzo di Villaviencio barrocco  costruito dal all’interno del quale si può ammirare la bella farmacia del 19° secolo con vasi e ceramiche per conservare i medicinali.

Prima di andarcene da Jerez de la Frontera ci siamo recati anche nella vicina Cattedrale di San Salvador molto scenografica con i suoi grandi archi rampanti, e costruita sui resti di una grande moschea.

Cattedrale di Jerez de la Frontera
Cattedrale di Jerez de la Frontera

Particolare è il campanile separato dal corpo principale sul quale è possibile salire e ammirare Jerez dall’alto.

EL PUERTO DE SANTA MARIA

Ripresa la macchina ci siamo avviati verso El Puerto de Santa Maria un’altra delle cittadine del triangolo dello sherry.

Autopista andalusa e sagoma toro
Autopista andalusa e sagoma toro

La sagoma nera del toro, visibile spesso sulle colline della regione,  si riferisce  proprio al marchio dell’azienda Osborne. Questa è una delle più famose aziende produttrici di sherry, che vanta enormi cantine chiamate spesso cattedrali.

Ma da El Puerto de Santa Maria salpo’ Colombo per i suoi successivi viaggi nelle Americhe, dopo quello della scoperta.

HOTEL PUERTOBAHIA E SPA

Il nostro hotel, in questo caso, si trovava nella parte più moderna, una zona balneare con lunghe spiagge dorate. Si trattava del grande e moderno hotel Puertobahia e Spa con una piscina interna.

Puerto Santa Maria vista sulla spiaggia
Puerto Santa Maria vista sulla spiaggia

La vista dalla nostra camera era spettacolare e dava veramente l’idea di essere in piena estate, peccato che la zona era desertica….ma da lontano si vedeva il profilo del grande ponte della Constitucion e di Cadice.

continua il viaggio!!

gallery Andalusia!!

 

Please follow and like us:
error

Leave a Comment

error: Content is protected !!