New York arrivo nella grande mela

VIAGGIO E ARRIVO A NEW YORK CITY

Viaggio e arrivo a New York, cosa fare, dove andare, come arrivare, cosa vedere, guida e itinerario del viaggio on the road negli Stati Uniti…

 

comincia il viaggio!!

VENEZIA – NEW YORK VOLO

VENERDI’ 21 settembre

Siamo partiti da Venezia con volo Air France e scalo a Parigi. Purtroppo abbiamo dovuto imbarcare anche il passeggino di Mattia così andare in giro per l’aeroporto è stato un po’ complicato. Abbiamo rimediato comunque con un carrellino per i bagagli a mano che disponeva di un cesto rialzato, sistemandolo dentro e fatto divertire e soprattutto stancare, viste le otto ore di volo che ci aspettavano…

Siamo anche partiti un’ora dopo rispetto all’orario fissato, così la compagnia aerea ci ha dato dei buoni per andare a bere qualcosa…

Finalmente ci siamo imbarcati, e ci hanno assegnato dei posti comodi vista la presenza di Mattia che ha praticamente dormito fino a destinazione.

ARRIVO NEGLI USA

Siamo arrivati all’aeroporto JFK di New York alle 19 ora locale,dove ci sono praticamente 6 ore in meno rispetto all’Italia.

Per entrare negli Stati Uniti è necessario  compilare on line il modello ESTA, ottenendo così l’autorizzazione.

Ritirati i bagagli senza disguidi, abbiamo preso un pullman che portava alla stazione centrale dei bus di New York, Port Authority. Questa è la soluzione  più economica per raggiungere Manhattan, il centro di New York.

MOTEL NEL NEW JERSEY

La stazione dei bus era talmente grande e distribuita su diversi livelli che ho avuto delle  serie difficoltà a capire dove dovevamo andare esattamente a fare i biglietti e a prendere il bus che andava nel New Jersey.

Già proprio nel New Jersey e non a New York abbiamo trovato l’hotel dove dormire per 6 notti.

Nella grande mela i prezzi erano alle stelle quando ho prenotato, un salasso…in fondo si trattava solamente di attraversare il fiume Hudson e in 20/30 minuti, a seconda del traffico, arrivavamo al nostro Super 8 Motel.

Nonostante il nome Motel, si trattava di una struttura nuova, ben tenuta e pulita e disponeva di  ogni confort.

Siamo arrivati in camera alle nove si sera completamente distrutti dalla stanchezza e dallo stress di questi spostamenti con bagagli e passeggino…almeno Mattia non ha fatto i capricci.

La camera disponeva anche di un frigorifero e un forno a microonde adatto per riscaldare i biberon di Mattia.

La mattina, la colazione  era compresa e bastava andare alla reception, dove era allestito un tavolo, per prendere quello che volevamo e portarcelo in camera.

La prima notte non sono riuscita a dormire molto, forse per il jetleg ma anche a causa delle varie spie luminose degli elettrodomestici presenti in camera.  Nel cuore della notte mi sono alzata per  coprire queste lucine con asciugamani e vestiti…. Anche la luminosità che filtrava dalle finestre e da sotto la porta mi irritavano così la nottata è stata un po’ agitata…solo per me naturalmente,  visto che Sandro e Mattia erano in piena fase rem!

Per fortuna, che come in ogni motel che si rispetti, c’erano due letti matrimoniali queen size ossia da una piazza e mezza…così i miei movimenti non li hanno minimamente disturbati.

continua il viaggio!!

 

Please follow and like us:
error

Leave a Comment

error: Content is protected !!