thailandia

THAILANDIA ON THE ROAD

Thailandia on the road, cosa vedere, cosa fare e dove andare in 3160 km….

PERCHE’ LA THAILANDIA?

Thailandia…perché…forse per esorcizzare i luoghi comuni che sempre ho sentito…possibile che oltre alle spiagge e ai resort non ci sia altro? No. Non è possibile…così ho approfondito il discorso andandoci di persona…

Questo viaggio è stato fatto fra l’8 e il 24 febbraio con mio marito Sandro e i miei bambini Alessio di 5 anni e Mattia di 7.

PARTENZA PER LA THAILANDIA

VENERDI’ 8 FEBBRAIO

 

Sveglia alle tre del mattino e finito di preparare le valigie siamo partiti destinazione aeroporto di Venezia. Faceva un freddo pazzesco e tutte le macchine erano gelate. Effettuato il check in nelle biglietterie elettroniche inserendo i dati dei passaporti siamo riusciti ad assegnarci anche i posti, poi abbiamo provveduto a consegnare le valigie che stavolta erano più leggere dato che ci stavano aspettando oltre 30 gradi di caldo…

VOLI

Alle sette ci siamo  imbarcati anche noi ma a causa del ghiaccio sulle ali siamo partiti con un po’ di ritardo che durante il volo abbiamo recuperato arrivando a Parigi al Charles de Gaulle in orario.

in attesa di decollare dalla francia
pista aeroporto charles de gaulle

 

Per trovare dei prezzi vantaggiosi abbiamo volato con la Southern China così la destinazione era per Guanzhou. Ci siamo ritrovati tutti e quattro nella fila centrale così almeno i bambini hanno potuto sdraiarsi un po’ (addossati a noi naturalmente). In realtà le 11 ore e mezza sono passate in fretta perché avevamo a disposizione i visori attaccati ai sedili di fronte a noi dove abbiamo potuto vedere film, documentari, ascoltare musica e fare giochi.

 

come trascorrere il tempo volando
passatempi in volo

 

I bambini si sono sbizzarriti con i giochi tanto che i passeggeri davanti a loro si sono innervositi per le continue vibrazioni che ricevevano  per il fatto che usavano le dita per scegliere le varie opzioni….poi per fortuna gli schermi sono andati in tilt e ci hanno dato un taglio….

SABATO 9 FEBBRAIO

ARRIVO IN CINA

 

Arrivati un po’ stravolti nell’aeroporto cinese dove abbiamo espletato le formalità doganali velocemente, abbiamo subito avvertito un freddo pazzesco, le temperature erano bassissime e noi eravamo un po’ leggerini con i vestiti. I bambini sono crollati dal sonno così si sono raffreddati. Io per mantenermi al caldo ho cominciato a fare degli esercizi di ginnastica…tanto in giro non c’era molta gente e poi eravamo tutti nella stessa situazione.

AEROPORTO DI BANGKOK

Dopo 6 ore e mezza abbiamo preso il volo per Bangkok. Appena saliti in aereo mi sono fatta dare subito delle coperte per i bambini che ancora dormivano.  In due ore siamo arrivati a destinazione e pure lì abbiamo fatto la dogana e compilato un modulo per poter stare sul suolo thailandese.  La gente del posto si è subito dimostrata accogliente e sorridente specialmente con i bambini.

Al momento del ritiro dei bagagli però abbiamo avuto un’amara sorpresa….era arrivata solo una valigia così ci siamo recati nell’area dei bagagli smarriti e abbiamo compilato un modulo in modo che quando sarebbe arrivata…chissà con che aereo o da quale parte del mondo,  potesse essere recapitata in hotel…

Inutile dire che eravamo nel pallone pensando a tutto ciò che c’era dentro e che ci avrebbe dovuto servire…come i vestiti miei e di Sandro, vari caricabatterie e oggetti per il bagno….i bambini erano ok visto che la valigia con le loro cose era arrivata indenne…

Era la prima volta che ci accadeva di smarrire una valigia, nonostante i numerosi viaggi per il mondo, e ancora non riuscivamo a capacitarci della situazione…

Abbiamo preso lo skytrain per recarci in hotel che si trovava proprio vicino alla linea della metropolitana.

SKYTRAIN BANKGOK

Lo skytrain è una metropolitana sopraelevata che congiunge l’aeroporto al centro di Bangkok incrociandosi con un’altra linea nella stazione centrale di Siam che effettua moltissime fermate nei punti principali.

linguaggio universale con le mani
richiesta di informazioni

 

Noi abbiamo pernottato per le prime tre notti al Nasa Vegas Hotel prenotato on line in anticipo per avere prezzi più convenienti e ci siamo trovati molto bene soprattutto per la presenza della metropolitana attaccata.

Ci siamo dati una sistemata, i bambini per fortuna avevano i loro vestiti estivi mentre sandro e io eravamo con un abbigliamento pesante viste le temperature elevate oltre i 30 gradi con un’afa asfissiante….

Con una stanchezza accumulata per il viaggio e il jet leg, erano le cinque e mezza del pomeriggio,  siamo andati a riprendere lo skytrain per raggiungere il centro…se di centro si può parlare….

MONETA, FUSO ORARIO E POPOLAZIONE

Ci sono sei ore di fuso orario in avanti rispetto all’Italia.

La moneta thailandese è il Baht e il cambio è di 38 baht per un euro circa.

Bangkok ha oltre  8 milioni di abitanti ma se si considerano anche tutti gli altri agglomerati urbani che la circondano arriva anche a 13 milioni.

skytrain bangkog
metropolitana bangkok

Siamo arrivati a Siam Square  cuore dello shopping moderno della metropoli. Grandissimi centri commerciali si susseguono offrendo tutto ciò di cui si può necessitare, da tutte le parti del mondo.

siam paragon spettacoli
addobbi luminosi siam paragon
decorazioni hall siam paragon
drago viola siam paragon
siam paragon scale mobili
foud court al siam paragon
germogli di soia in quantità
pesce grigliato al siam paragon
noodles vegetali food court siam paragon
vongole al siam paragon
psce fresco al siam paragon
drago giallo e verde al siam paragon
siam paragon fontane
siam paragon piazza esterna
previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider

 

MALL SIAM PARAGON

Il Siam Paragon è il più famoso e sfarzoso che comprende enormi food court con specialità internazionali, cinema, sale di karaoke e un enorme acquario al piano inferiore.  Qui devo fare una precisazione: rapportato ai prezzi locali i biglietto era troppo sproporzionato così abbiamo saltato il giro.

C’era una confusione pazzesca con musica ad alto volume pieno di gente ovunque con un imbarazzo della scelta di dove mangiare incredibile e la voglia di sperimentare cose esotiche. Per accontentare i bambini siamo andati al reparto giocattoli naturalmente esagerato e immenso.

HOTEL

Stanchissimi siamo tornati in hotel dove i bambini sono crollati subito mentre Sandro e io dovevamo decidere cosa fare con la questione della valigia dispersa…

Sono scesa nella lobby dove ho fatto un abbonamento alla loro connessione internet in modo da tenermi aggiornata e vedere se combinavo qualcosa con la valigia…alla fine ho rotto le scatole all’impiegata della reception e le ho spiegato l’accaduto, sono riuscita a convincerla affinchè chiamasse lei l’ aeroporto e parlare con l’ufficio bagagli.

Le hanno detto che ancora non sapevano dove era finita e di aspettare domani quando sarebbero arrivati altri voli….con il morale sotto ai piedi sono tornata in camera demoralizzata al massimo….

 

CONTINUA IL VIAGGIO!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Please follow and like us:

Leave a Comment

error: Content is protected !!