Bighorn national forest Wyoming

BIGHORN NATIONAL FOREST E CANYON COSA VEDERE


Partiti dalla Devil’s Tower, siamo rimasti nel Wyoming, per raggiungere la Bighorn National Forest.

comincia il viaggio!!

New York!!

Stati Uniti orientali!!

La Bighorn national Forest, comprende paesaggi molto diversificati, dalle praterie ai pascoli in cima alle montagne, dai laghi alle vallate, dalle dolci colline alle vette aguzze.

Wyoming landscape
Wyoming landscape

ORIGINE DEL NOME

Il nome della foresta, Bighorn, deriva dall’omonimo fiume che attraversa il parco. Le sue sorgenti si trovano proprio in mezzo a queste montagne, ma le acque sono alimentate soprattutto dalla neve che si scioglie in estate.

Prima ancora, sono state le pecore Bighorn a dare il nome al fiume stesso. Con grandi corna ricurve, questi animali sono facilmente riconoscibili, e in passato popolavano abbondantemente l’area.

Bighorn national forest Wyoming
Bighorn national forest Wyoming

La catena di montagne della Bighorn National Forest, fa parte delle Rocky Mountains, e la cima più elevata, con i suoi 4000 metri, è Cloud Peak.

VISITA DELLA BIGHORN NATIONAL FOREST

Per visitare il parco comodamente seduti in macchina, si possono seguire diversi itinerari panoramici, e farsi scorrere davanti agli occhi i meravigliosi scenari che spaziano dalle montagne, alle vallate e gole.

Bighorn national forest Wyoming
Bighorn national forest Wyoming

BIGHORN SCENIC BYWAY

Shell Falls Bighorn national forest
Shell Falls Bighorn national forest

La Bighorn Scenic Byway, sulla U.S. Route 14, attraversa per 48 km, da est a ovest,  la foresta. Lungo il tragitto si incontrano le Shell Falls, alte 35 metri.

Shell Falls Bighorn national forest
Shell Falls Bighorn national forest

Seguendo il sentiero “Interpretive trail” si ha modo di osservarle da varie angolazioni e ascoltare il fragore dell’acqua che passa in mezzo ai massi e alla gola.

Shell Falls Bighorn national forest
Shell Falls Bighorn national forest

Vari pannelli informativi indicano l’origine delle rocce, la flora e la fauna della zona.

MEDICINE WHEEL PASSAGE

La Medicine Wheel Passage, sulla U.S.14A, passa vicino al  sito archeologico indiano. Un sentiero di tre km conduce proprio alla grande ruota, composta da rocce di calcare.

MEDICINE WHEELS DEGLI INDIANI

La Medicine Wheel della Bighorn National Forest, con i suoi oltre10.000 anni, è il luogo, per le tribù indiane, che ha una valenza sia religiosa che scientifica. Si tratta di una struttura composta da pietre voluminose che formano un cerchio del diametro di 24 metri, mentre 28 raggi partono dal bordo e raggiungono il centro.

Le Medicine Wheels sono degli antichi strumenti utilizzati dai nativi americani per simboleggiare il circolo della vita e il viaggio di ogni persona che compie durante la sua esistenza.

IL NUMERO 4

Differenti sono i metodi per rappresentare questo concetto. Ad esempio il numero “quattro” che si ritrova nelle quattro stagioni, i quattro nonni, le quattro direzioni, i quattro elementi, i quattro aspetti della nostra natura e soprattutto i quattro stadi della vita.

Un punto cruciale della Medicine Wheel è costituito dal fatto che non c’è un inizio e una fine e, allo stesso tempo, non c’è neppure un termine del nostro viaggio.

Oltre ad essere un luogo spirituale indiano, è uno strumento ideato dai nativi per studiare le costellazioni, e i raggi sono orientati in base ai solstizi o agli equinozi.

Nel nord America si trovano oltre 150 Medicine Wheels, ma quella nella Bighorn National Forest è la più grande e meglio conservata.

Questi strumenti sono tuttora utilizzati per i riti di purificazione indiana e costituiscono un luogo di aggregazione per avvicinarsi a madre natura.

BIGHORNE CANYON

Quando si dice Bighorne occorre distinguere fra Bighorn National Forest e Bighorn Canyon National Recreational Area.

In questo secondo caso si designa un’area nel Montana e in parte nel Wyoming. Fra i paesaggi diversificati, spicca soprattutto il grande canyon con la profonda gola scavata dal fiume Bighorn. Questo parco in realtà si divide in due distinte aree: North District e South District.

NORTH DISTRICT

Il North District è interamente nel Montana e comprende la diga di Yellowtail Dam, che prende il nome dal capo tribù indiano, al momento dell’ inaugurazione nel 1967.

Questa grande opera è stata costruita per regolare il flusso dell’acqua e utilizzarla per irrigazioni e generare corrente elettrica.

Nella zona posta prima della diga, si è formato un lago utilizzato soprattutto come luogo di svago, molto gettonato fra i pescatori di trote.

La località di Fort Smith è l’altro punto di interesse del North District. Come nella Bighorn National Forest, anche qui si trova una ruota curativa indiana, la Fort Smith Medicine Wheel.

La ruota risale al 1850 ed è più piccola di quella nella Bighorne National Forest, in questo caso è situata sul crinale del canyon, ma è un po’ rovinata perchè il terreno ha ceduto.

SENTIERI E PUNTI DI OSSERVAZIONE DEL CANYON

Alcuni sentieri danno modo di osservare meglio la natura di questa gola, come ad esempio il Three Mile Access, il Bighorn Head Gate e il Beaver Pond Nature trail.

Diversi sono i punti di osservazione sul grande canyon: Horseshoe bend overlook a livello del Bighorne lake, in fondo al canyon; Devil canyon overlook e Barry’s landing overlook mostrano invece il contrasto fra il blu del lago e le pareti chiare del canyon.

SOUTH DISTRICT

Il south district copre un’area che va dal Montana al Wyoming, e il punto di riferimento è il Bighorn Canyon Visitor Center nella cittadina di Lovell.

Il vicino Bighorn Lake si presta bene per gite in barca e attività sportive. In questa parte del Bighorn Canyon è possibile percorrere  ben 12 sentieri che conducono a spettacolari punti panoramici sul canyon, uno di questi è il Sullivan’s Knob Trail di 1.2 km.

LITTLE BIGHORN BATTLEFIELD NATIONAL MONUMENT

Il monumento della battaglia di Little Bighorn si trova nel Montana, ma fuori della Bighorn Canyon Recreational Area. Questo è il luogo della memorabile battaglia, combattuta nel 1876.

L’esercito americano, composto da diverse divisioni da una parte, e varie tribù indiane, dall’altra si scontrarono lungo il Little Bighorn, un affluente del fiume Bighorn.

La Battaglia è ricordata soprattutto per la clamorosa sconfitta del battaglione del generale Custer, che qui venne ucciso.

Con il precedente Trattato di Laramie si erano istituite  delle riserve indiane dove le tribù indiane dovevano viverci forzatamente. Molte di esse si ribellarono, e capeggiate da Toro Seduto e Cavallo Pazzo, si coalizzarono riuscendo a ottenere una importante vittoria…sebbene di breve durata, perchè nei tre mesi successivi furono costretti a capitolare a causa di stenti e privazioni.

MONUMENTO DI LITTLE BIGHORN

Il monumento che ricorda la battaglia si compone di due parti. Quella dell’esercito americano si sviluppa lungo una stradina sul crinale della collina, teatro della battaglia. Pannelli informativi narrano i punti salienti dello scontro e tutto attorno nella prateria sono sparse le lapidi dei soldati e quella del generale Custer, esattamente nel posto dove sono morti.

Questo luogo per Custer è chiamato anche “Last Stand“. Un cippo commemorativo ricorda la battaglia di Little Bighorn. In seguito i resti dei soldati vennero tumulati sotto una lapide più grande mentre quelli di Custer trasferiti a West Point nello stato di New York.

Il monumento che ricorda invece il sacrificio degli indiani è costituito da un’opera in ferro battuto che rappresenta i valorosi capi guerrieri in groppa ai loro cavalli.

Nel centro visitatori un filmato racconta gli avvenimenti e il museo completa la visita.

LA NOSTRA VISITA ALLA BIGHORN FOREST

Wyoming on the road
Wyoming on the road

Nel nostro caso, ci siamo limitati ad attraversare la Bighorn Forest tramite la US14, visto che la meta era Cody. Bellissimi scenari variegati ci hanno accompagnati lungo tutto il tragitto.

Bighorne national park canyon
Bighorne national park canyon

Alle Shell Falls abbiamo fatto una pausa, per seguire il sentiero lungo la gola e ammirare le impetuose cascate. Poi, come sempre il tempo incalzava e ci siamo dati una mossa….fino a un nuovo imprevisto….

POLIZIA AMERICANA

Il primo contratempo del viaggio (molti ne seguiranno…) è stato quando siamo stati fermati da un poliziotto perché abbiamo fatto un’inversione di marcia…praticamente ci siamo fermati in una pompa di benzina e invece di andare fino all’incrocio abbiamo girato direttamente sebbene ci fosse la linea continua…

Siccome il posto era praticamente isolato e solitario non siamo andati molto per il sottile e presi dall’istinto abbiamo fatto la bravata…come è come non è ci siamo trovati alle costole una macchina della polizia che ha acceso i lampeggianti e ci ha fatto accostare…

Come nelle classiche scene dei film e io e mio marito ci siamo guardati in faccia allarmati e abbiamo atteso svariati minuti prima che il poliziotto si avvicinasse a piedi alla macchina…quando si è affacciato al finestrino (qui veramente era la scena di un film)…aveva il classico cappello e gli occhiali a specchio e senza preamboli ci ha chiesto i documenti con i quali è sparito nella sua macchina per fare eventuali controlli…nel frattempo mio marito e io eravamo completamente pietrificati come i paesaggio circostante immaginando vari sviluppi della situazione….

Quando il poliziotto è tornato ci ha restituito i documenti della macchina e la patente  di Sandro e ci ha solo rimproverato  per la linea continua che non avrebbe dovuto essere oltrepassata….noi diligentemente lo abbiamo ringraziato per la delucidazione con mille sorrisini e lui ci ha fatto andare senza farcela pagare…..da allora in poi ho pregato mio marito di non azzardarsi più a fare gesti sconsiderati….ed essere più diligente visto che stavolta ci era andata bene non voleva dire che valeva per sempre….con la coda fra le gambe ci siamo avviati sulla nostra strada molto cautamente visto che il poliziotto ci ha pedinato per vari km….per i fatti suoi naturalmente….

continua il viaggio!!

comincia il viaggio Stati Uniti occidentali!!

Stati Uniti orientali!!

gallery Stati Uniti occidentali!!

New England!!

 

Please follow and like us:

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!