Sequoia & Kings Parco

SEQUOIA & KINGS PARK COSA VEDERE E FARE

Sequoia National Park cosa vedere, cosa fare, dove si trova, come arrivare, itinerario di viaggio on the road negli Stati Uniti…

INIZIO VIAGGIO

gallery Sequoia National Park!!

DODICESIMA GIORNATA TULARE-MORRO BAY   480 KM

Lasciati alle spalle i deserti e la Death Valley, siamo arrivati in  California e la meta del giornata era il grande parco delle sequoie.

Ultimamente ho dormito poco e male, soprattutto per sistemare il problema degli hotel prenotati da casa, per cui ero abbastanza  distrutta dalla stanchezza e dallo stress…

COLAZIONE AMERICANA

Niente di meglio che cominiciare la giornata con una “sana” e robusta colazione e riprendere le forze.

Il nostro motel si trovava proprio vicino a un tipico locale americano, come quelli che si vedono nei film, con la cameriera che ti riempie la tazza di caffè il tutto accompagnato da pancakes e waffles annaffiati di sciroppo d’acero, cioccolata fusa, panna…..

Sala ristorante per la colazione
Sala ristorante per la colazione

Tuttavia mancavano ancora 80 km da percorrere prima di arrivare al parco Naturale di Sequoia e Kings Canyon…e la strada era in mezzo alle foreste piena di curve…quindi cautela e soprattutto evitare qualsiasi contatto con la polizia…ormai mancavano pochi km alla destinazione finale….

SEQUOIA E KINGS NATIONAL PARK

Sequoia national park entrance
Sequoia national park entrance

Le alte vette della California sono caratterizzate dalla presenza di alberi secolari e altissimi, le sequoie giganti. Aree ben delimitate sono state trasformate in foreste protette e parchi nazionali, proprio per preservare questo grande patrimonio naturale che è a rischio estinzione sia a causa degli incendi che per mano dell’uomo.

Il Sequoia e Kings Canyon Park si trova nella catena montuosa della Sierra Nevada, della quale fa parte la cima più elevata degli Stati Uniti, il Mount Whitney, di 4400 metri di altezza (se non si considerano i giganti dell’Alaska).

Le ere glaciali hanno caratterizzato la regione, scavando profondi canyon e laghi alpini, cime frastagliate e centinaia di caverne.

Quando si parla di Sequoia & Kings Canyon si intendono due zone distinte, il parco delle sequoie e il Kings canyon, uno dei canyon più profondi del nord America.

ACCESSI AL PARCO

Per entrare nel Sequoia e Kings canyon Park esistono solamente due accessi, e la tessera dei parchi, è ancora una volta un buon investimento e pratica. I due parchi sono contigui per cui le entrate valgono per entrambi.

  • ASH MOUNTAIN ENTRANCE, nel Sequoia Park, comodo per chi arriva dal sud, come Los Angeles o dalla Valle della morte, come nel nostro caso.
  • BIG STUMP ENTRANCE, nel Kings Canyon Park, utilizzato da chi proviene dal nord, come San Francisco.

Esistono inoltre vari punti informativi dove documentarsi, guardare dei filmati che raccontano la storia e la natura del parco, chiedere informazioni e consigli.

  • Foothill Visitor Center, aperto tutto l’anno, vicino alla Ash Mountain Entrance.
  • Giant Forest Museum, costruito nel 1928, si trova vicino ai sentieri che conducono alle più grandi sequoie del parco.
  • Lodgepole Visitor Center, aperto da metà maggio a metà ottobre, nel villaggio del parco delle sequoie, vicino a negozi, campeggi, uffici postali e altro.
  • Kings canyon visitor center, accanto alla Big Stump Entrance.
  • Cedar Grove Visitor Center,  nel Kings canyon park, aperto solamente in estate.
  • Mineral King Ranger Station, nel sequoia park, aperto solo da maggio a settembre.

L’altitudine nel Sequoia & Kings canyon varia dai 400 metri ai 4000 metri, e anche in un breve percorso ci possono essere forti dislivelli. Guidare nel parco richiede molta attenzione, soprattutto in determinate condizioni meteorologiche e per la presenza di molti animali selvatici.

STORIA DEL SEQUOIA & KINGS CANYON

Sequoia national park i giganti
Sequoia national park i giganti

Le due zone del parco, Sequoia e Kings canyon, originariamente sono state tutelate separatamente, in tempi diversi, ma solo nel 1940 vennero unite in un unico parco, il Sequoia e Kings Canyon National Park, gestito dal National Park service.

L’area delle sequoie tuttavia si estende anche fuori dallo stesso parco, infatti questa zona è molto più vasta e si chiama Sequoia National Forest, per cui non bisogna confondersi quando si decide di raggiungere il più famoso parco.

I PRIMI ABITANTI DEL PARCO

Gli indiani Monachee o Paiute furono i primi a stabilirsi nell’area del Sequoia e Kings Park, soprattutto nella zona del fiume Kaweah e nella Giant Forest. Erano soliti salire fino ai passi in mezzo alle montagne dove si incontravano con altre tribù indiane con le quali commerciavano.

Testimonianze del loro passaggio sono i numerosi pittogrammi ancora visibili, come quelli di Hospital Rock, pitture rupestri che raccontano la loro storia.

Con l’arrivo dei coloni, verso la fine del 1800, gli indiani furono costretti a spostarsi e abbandonare le terre, questo soprattutto per le malattie portate dai bianchi, come il vaiolo e la varicella, che li decimarono.

HALE THARP E THARP’S LOG

Hale Tharp, un ex minatore che era giunto qui inseguito alla corsa all’oro, fu il primo colono a stabilirsi nel parco, per far pascolare il suo bestiame. Si costruì la sua abitazione in un enorme tronco cavo di sequoia caduta a terra.

Ancora oggi è possibile vedere la Tharp’s Log nella Giants Forest. Tharp ospitò spesso John Muir, il padre dei Parchi nazionali, un naturalista, ambientalista e studioso che per tutta la vita ha combattutto affinchè venissero preservate vaste aree naturali americane.

SFRUTTAMENTO DELLE SEQUOIE

La ricchezza di legname attirò presto grandi società forestali che cominciarono a tagliare gli alberi senza sosta. L’abbattimento delle sequoie era un lavoro impegnativo e spesso per riuscire nell’impresa si saldavano insieme più seghe o si utilizzava addirittura l’esplosivo, sprecando in questo modo molto materiale che veniva disintegrato.

In breve vennero distrutte un terzo delle foreste, ma nello tempo cominciarono a sorgere movimenti popolari contro la deforestazione, riuscendo a trasformare in parco naturale tutta la regione nel 1890.

ECOSISTEMI DEL SEQUOIA E KINGS PARK

Parco delle sequoie California
Parco delle sequoie California

Il Sequoia e Kings Canyon National Park comprende un’area talmente estesa, tale da comprendere diversi ecosistemi, a seconda delle varie altitudini:

  • Gli strati inferiori, a 500 metri di altitudine, nella zona di Ash Mountains sono caratterizzati dalle Blue Oaks, una specie di quercia californiana, il chaparral, ossia macchie di arbusti bassi, così chiamate in questa parte degli Stati Uniti, praterie, yucche, e vallate ripide nelle quali scorrono dei fiumiciattoli. Anche la fauna è varia grazie alla presenza di molti tipi di serpenti, linci, caprioli, volpi.
  • La fascia compresa fra i 1700 e i 2700 metri presenta invece un paesaggio alpino con varie specie di pini e abeti come i Ponderosa, Lodgepole pines, white e red fir. Ma soprattutto si trovano qui le maestose sequoie giganti gli alberi più grandi e longevi del mondo. Gli animali che popolano questi ambienti sono soprattutto cervi e gli orsi neri, questi ultimi non sono aggressivi verso gli uomini ma sono abituati a rubare cibo, per questo nel parco ci sono molte cassette chiuse con i lucchetti.
  • La fascia intermedia presenta aspetti di entrambe le zone sopra descritte.

LE SEQUOIE GIGANTI

Le sequoie giganti sono spettacolari alberi che possiedono diverse caratteristiche oltre alle loro dimensioni sbalorditive. Innanzitutto le sequoie sono così grandi perchè crescono in fretta e sono longeve. Quelle più vecchie presenti nel parco hanno un’età che varia dai 1800 anni ai 3000 anni, ma secondo alcuni studiosi ne hanno addirittura 6000 anni!

Un altro aspetto che facilita ad avere una lunga esistenza è la loro corteccia che le protegge dagli insetti, e dalle malattie. Questo rivestimento, di colore rosso ruggine, ha uno spessore di 30 cm ma può raggiungere anche i 60 cm, ed è di vitale importanza per quanto riguarda gli incendi che faticano ad attecchire.

Le radici delle sequoie sono perlopiù superficiali, e non scendono oltre il metro di profondità, tuttavia, per poter sopportare un peso enorme, si estendono per decine di metri alla base dei fusti. Ecco quali sono i segreti di questi giganti naturali, che devono soprattutto dell’uomo e della sua avidità.

GENERAL HIGHWAY

Sequoia national park strada
Sequoia national park strada

Solamente una parte del parco è accessibile con una comoda via di comunicazione, la US198 chiamata anche Generals Highway. Questa strada nel Kings canyon si trasforma nella US180 detta anche Kings Canyon Scenic Byway. La maggioranza delle zone più interne del parco, sono dichiarate aree naturali e selvagge, e si possono raggiungere solo a piedi tramite sentieri di trekking e a cavallo. Spesso si tratta di zone alpine attraversate da sentieri panoramici molto difficili come:

  • High Sierra Trail lungo 79 km;
  • Mount Whitney Trail a un’altitudine di 4000 metri e lungo 18 km;
  • John Muir Trail lungo oltre 340 km che arriva fino allo Yosemite National Park.

GROVES: I BOSCHETTI DI SEQUOIE

Sequoie giganti in California
Sequoie giganti in California

I boschetti “groves” di sequoie giganti sono delle parti di foreste di conifere, nelle quali si trovano le sequoie giganti. Sebbene il numero di questi giganti può variare, da pochi esemplari a decine, costituiscono comunque la principale attrazione del luogo.

Le sequoie sono specie di alberi che crescono solamente sulle pendenze occidentali della Sierra Nevada, fra i 1200 e 2400 metri.

All’interno del parco di Sequoia e Kings canyon, esistono ben 40 boschetti di sequoie, alcuni sono raggiungibili percorrendo la Generals Highway, ma altri sono in luoghi sperduti e isolati.

GIANT FOREST

La Giant Forest è un’area situata nel Sequoia Park a nord del Foothills Visitor Center. Contiene il maggior numero di sequoie e il General Sherman Tree la sequoia vivente più grande del mondo.

Poco prima di giungere alla Giant Forest, si incontrano lungo la strada un gruppo di quattro sequoie giganti chiamate Four Guardsmen, che fungono da porta di entrata alla foresta dei giganti. Visto che attraversano la US198, la strada si divide proprio perchè questi alberi si trovano in mezzo alla carreggiata.

Il Sentinel Tree di fronte al Giant Forest Museum è la 13° sequoia più alta della Giant Forest.

Il Tunnel Log è una sequoia caduta sulla strada nel 1937, lunga 84 metri e 6.4 metri di diametro. Vi è stata scavata una galleria di 2.4 metri di altezza per 5.2 metri di larghezza proprio per poter proseguire sulla strada.

GRANT GROVE

Il Grant Grove, localizzato nel Kings Canyon Park, possiede molte sequoie con diametri sbalorditivi, fra cui il famoso General Grant Tree, considerato l’albero di Natale della nazione dal 1926.

Altre attrazioni del Grant Grove sono il Gamlin Cabin, una capanna costruita nel 1872 da due coloni che arrivarono con il loro bestiame. In seguito la costruzione venne utilizzata anche dai rangers del parco.

Il Fallen Monarch è invece un’enorme sequoia caduta a terra, il cui tronco è stato scavato dal fuoco 300 anni fa.

La Centennial Stump Sequoia è la base di una sequoia gigante tagliata nel 1876 con una circonferenza di oltre 7 metri. Quando la sequoia fu abbattuta una sezione venne inviata a pezzi alla fiera di Philadelphia, dove la gente non credeva veramente che si trattasse di un unico albero.

REDWOOD MOUNTAIN GROVE

Il Redwood Mountain Grove localizzato nel Kings Canyon, vicino alla Big Stump Entrance vanta sequoie molto grandi e antiche e una ricca flora nel sottobosco.

Programmi di incendi pilotati si tengono, da tempo, in questa area allo scopo di stimolare la crescita di nuove sequoie, pulire il sottobosco e ripristinare l’habitat originario di 100 anni fa.

Segni di bruciature sono visibili anche sulle grosse cortecce delle sequoie. Nel vicino Sugar Bowl Grove è possibile vedere un boschetto di pure sequoie, contrariamente agli altri che ospitano oltre alle sequoie anche diverse varietà di altri alberi.

CONGRESS GROVE

Il Congress Grove un altro gruppo di sequoie giganti dai vai primati. Il President Tree, McKinley Tree, General Lee Tree, Lincoln e Washington tree sono solo alcuni dei giganti di questo luogo.  Il Washington Tree in particolare, fino al 2003 è stato il secondo albero più grande al mondo, fintanto che un fulmine non lo colpì e ne incediò la chioma. Successivamente un altro crollo causato dal peso della neve, lo ridusse agli attuali 35 metri.

MUIR GROVE

Il Muir Grove è un’area a metà strada fra la Giant Forest e Redwood Mountain Grove, meno frequentata e per questo più tranquilla e isolata. Oltre alle sequoie giganti si hanno belle viste sulla gola di un fiume.

KINGS CANYON NATIONAL PARK

Sequoia national park il parcheggio
Sequoia national park il parcheggio

La vasta area del Kings Canyon è composta da due sezioni:

  • GRANT GROVE la sezione occidentale più piccola, ma più antica, dove si trovano tutte le strutture turistiche e le principali sequoie giganti.
  • CEDAR GROVE la sezione orientale più vasta e selvaggia, caratterizzata dai profondi canyon del Middle e South Forks del Kings River.

ATTRAZIONI DEL KINGS CANYON

  • GRANT GROVE bosco di sequoie giganti fra cui il General Grant Tree e il Fallen Monarch caduto.
  • ROARING RIVER FALLS, un breve sentiero conduce all’ultimo tratto di queste belle cascate le cui acque scendono in una stretta gola rocciosa.
  • HUME LAKE, un bacino artificiale che offre la possibilità di praticare molte attività all’aria aperta, campeggi e sentieri da trekking.
  • KINGS CANYON ROAD è praticamente la US180, una strada panoramica lunga 50 km che attraversa tutto il Kings Canyon Park. Il tratto finale scende per 800 metri nel profondo canyon verso il Kings River, ma è apertò da metà maggio a metà ottobre.
  • CEDAR GROVE dove si trovano Zumwald Meadow, un sentiero panoramico circolare lungo 2.4 km da percorrere su passerelle in legno in mezzo a boschi rigogliosi con le montagne rocciose disposte tutto intorno. Mist Falls, cascate raggiungibili con un sentiero abbastanza lungo, oltre 6 km solo andata. Boyden Caverns delle spettacolari grotte con ogni tipo di formazione calcarea. Dei tour guidati conducono per 600 metri all’interno delle caverne fino a un fiumicciatolo sotterraneo.

SENTIERI DEL KINGS CANYON

Partendo dall’entrata di Big Stamp Entrance, percorrendo la US180, si oltrepassa il Grant Grove Village, da lì comincianciano i vari sentieri escursionistici abbastanza brevi e semplici:

  • GENERAL GRANT TREE TRAIL lungo meno di un km;
  • KINGS CANYON PANORAMIC POINT dal Grant Grove Village circa 3 km fino al punto panoramico a 2200 metri di altezza, da dove osservare le cime delle montagne circostanti e il bacino dell’Hume Lake.
  • HUME LAKE TRAIL un sentiero circolare di 4.5 km che costeggia il lago Hume.
  • NORTH GROVE LOOP lungo 2.4 km;
  • ROARING RIVER FALLS TRAIL nella zona del Cedar Grove, il sentiero è lungo

ATTRAZIONI DEL SEQUOIA PARK

Sequoia nationa park tree trail
Sequoia nationa park tree trail

Molti sono i punti panoramici del Sequoia national park e i principali sono localizzati nella Giant Forest:

  • SHERMAN TREE TRAIL un sentiero circolare lungo 1.2 che dal parcheggio conduce fino al General Sherman Tree e nella zona di altre sequoie giganti. Il General Sherman Tree è l’albero più grande al mondo come volume. La sua altezza è di 83 metri e misura oltre 11 metri di diametro alla base. Per proteggere le fragili radici che sporgono dal terreno, è circondato da una balaustra di legno.
  • CONGRESS TRAIL è un altro sentiero circolare lungo 3.2 km che si aggira in mezzo ad altre sequoie giganti, il Congress Grove, che comincia vicino al General Sherman Trail.
  • BIG TREES TRAIL comincia dopo il Giant Forest Museum, è un sentiero pavimentato e circolare e lungo 1 km, in mezzo una una prateria lussureggiante, con molti pannelli informativi.
  • MORRO ROCK TRAIL un sentiero composto anche da scalini scavati nella roccia conduce sulla sommità di una formazione rocciosa arrotondata, da dove ammirare il panorama sulla parte occidentale del parco.
  • TOKOPAH FALLS un sentiero lungo 2.700 metri che conduce a una parete granitica da dove cade la cascata alta 365 metri.
  • CRESCENT MEADOW una prateria circondata da sequoie, sopranominata la “gemma della sierra” da John Muir. E’ raggiungibile con un sentiero lungo 4.8 km che comincia vicino al Giant Forest Museum.
  • CHRYSTAL CAVE un percorso circolare di 800 metri conduce alla scoperta di queste spettacolari grotte con concrezioni calcaree fantastiche. Il parco vanta oltre 250 grotte e molte vengono scoperte ancora oggi. L’origine di queste caverne si deve ai fiumi che man mano che si inabissano, con le loro acque acide, riescono a farsi strada e a scavare delle gallerie nella roccia calcarea. In alcune caverne ci sono ancora i fiumi che vi scorrono all’interno.

LA NOSTRA VISITA

Sequoia caduta in California
Sequoia caduta in California

Seguento la cartina del parco e la Generals Highway abbiamo raggiunto le varie aree dove si trovano i gruppi di sequoie più famose. Perorrendo i sentieri ci siamo inoltrati in mezzo a questi giganti con tranquillità, assaporando ogni singolo momento in loro compagnia, sentendoci al contempo microscopici rispetto alla loro imponenza.

Per raggiungere Morro Bay, sulla costa californiana, la destinazione finale della tappa odierna, abbiamo percorso altri 225 km di strade piene di curve.

 

gallery Sequoia National Park!!

CONTINUA IL VIAGGIO!

INIZIO VIAGGIO

Please follow and like us:

Leave a Comment