baia di san francisco california

BAIA DI SAN FRANCISCO COSA VEDERE

Baia di San Francisco cosa vedere, dove andare, cosa fare, informazioni e curiosità su questa baia della California, luoghi turistici e città.

viaggio on the road Stati Uniti occidentali!!

gallery Stati Uniti occidentali!

La baia di San Francisco è una vasta area che non riguarda solo la città di San Francisco e il Golden Gate Bridge. Si tratta infatti di una regione con infinite insenature sulle quali si affacciano grandi città e famose località turistiche e naturalistiche.

Ecco allora alcune informazioni che raccontano la storia e le curiosità di questa parte della California, che racchiude realtà diverse e contrapposte fra loro.

STORIA DELLA BAIA DI SAN FRANCISCO

La formazione della baia di San Francisco si deve a uno sprofondamento della crosta terrestre, localizzata in mezzo alle due faglie, quella di Sant’Andrea e di Hayward.

Durante le varie ere glaciali, il livello del mare aumentò, creando l’insenatura, nella quale sono rimaste visibili solo le cime più alte, le attuali isole, fra cui Alcatraz.

Le dimensioni della baia non sono ben determinate, questo perchè molte zone sono occupate da paludi e acquitrini, che spesso nel corso degli anni sono state bonificati per recuperare terreno.

Anche il livello del mare non è uniforme in tutta la baia. Nell’area del Golden Gate Bridge infatti la profondità si aggira sui 113 metri, mentre in molte altre zone non supera i 4/5 metri o addirittura meno di un metro.

Proprio per il livello dell’acqua irregolare, sono stati scavati canali affinchè navi e imbarcazioni possano raggiungere località più interne. Da tempo si eseguono inoltre continui dragaggi, questo perchè grosse quantità di residui ghiaiosi e di scarto, derivanti dalle miniere di estrazione, vengono trasportati dai fiumi che sfociano nella baia.

ABITANTI DELLA BAIA

I primi abitanti della baia furono gli indiani, che dovettero però abbandonare queste terre con l’arrivo dei colonizzatori. Gaspar de Portolà, fu il primo spagnolo a esplorare l’area, sebbene fosse in cerca della baia di Monterey.

La prima mappatura della baia avvenne nel 1775 proprio da parte degli spagnoli, ecco perchè ancora oggi molti nomi hanno questa origine, come ad esempio Point Reyes, Alcatraz Island…

Con la corsa all’oro, la Gold Rush, la baia cominciò a popolarsi, e sorsero le prime città grazie ai porti e all’arrivo della ferrovia a Oakland nel 1869.

FAGLIA DI SANT’ANDREA E BIG ONE

San Francisco, si sa’, si trova sulla faglia di Sant’Andrea, quindi in una posizione ad altissimo rischio di terremoti. Questa faglia consiste in una spaccatura nella crosta terrestre che si allunga per 1300 km, percorrendo la California da nord a sud.

In alcuni tratti questa faglia corre sotto il mare, e nel caso di San Francisco, è situata in prossimità del Golden Gate Bridge.

Questa faglia si è originata dai movimenti delle placche tettoniche che compongono la crosta terrestre. In realtà in questa zona esistono divese faglie che scorrono lungo tutta la California in senso longitudinale, ma la faglia di Sant’Andrea è quella più attiva, nel senso che da lì si scatenano poi i più potenti terremoti.

Attualmente i californiani in generale, ma gli abitanti di San Francisco e Los Angeles in particolare, sono in attesa del Big One, il terremoto che gli scienziati prevedono possa accadere nei prossimi anni, stimando una potenza pari al 6/7° grado della scala richter…

TERREMOTO DEL 1906

San Francisco convive con i terremoti. Il potente terremoto del 1906, che ha praticamente raso a terra la città aveva una magnitudo di quasi 8 gradi della scala Richter. I morti furono oltre tremila, ma soprattutto a causa degli incendi che devastarono interi quartieri.

Earthquake San Francisco 1906
Foto del Terremoto a San Francisco 1906

Tutto cominciò alle cinque del mattino quando si manifestarono i primi tremori. Poi quando il terremoto si scatenò fu così forte che lo sentirono fino in Sudafrica. I successivi incendi che si innescarono continuarono per quattro giorni.

San Francisco foto terremoto 1906
San Francisco foto terremoto 1906

Alla fine la città si ritrovò in ginocchio. Nei successivi quattro anni, tuttavia, San Francisco venne ricostruita ancora più bella e con una struttura urbanistica ordinata e funzionale.

ISOLE DELLA BAIA DI SAN FRANCISCO

Nella baia di San Francisco esistono diverse isole, ognune delle quali con caratteristiche e storie differenti.

ALCATRAZ

Questa isola si trova in mezzo alla baia a tre km da San Francisco. Sopranominata the Rock per la sua conformazione rocciosa, furono gli spagnoli a chiamarla Alcatraz poichè quando arrivarono vi trovarono un gran numero di sule, dei grandi uccelli marini.

San Francisco isola di Alcatraz
San Francisco isola di Alcatraz

L’isola di proprietà della città di San francisco è diventata un’attrazione turistica molto gettonata grazie alla sua storia. Per partecipare  infatti a tour guidati è  necessaria la prenotazione e i traghetti della compagnia Alcatraz Cruises partono dal molo 33 di San Francisco.

Il primo uso dell’isola fu quello di postazione militare visto la posizione strategico, per questo motivo venne edificato un fortino e in seguito anche un faro.

Successivamente, visto l’isolamento del luogo fu edificata una prigione militare che, nel 1933, divenne un carcere di massima sicurezza. Qui vennero rinchiusi infatti personaggi pericolosi del calibro di Al Capone, ma anche coloro che avevano già tentato la fuga da altre prigioni.

Non a caso Alcatraz ha la fama di essere stato un luogo dal quale era impossibile evadere, sebbene furono oltre una decina i tentativi che finirono male. Il carcere restò in funzione fino al 1963, poi venne chiusa per problemi di costi di mantenimento.

La prigione di Alcatraz è stata spesso immortalata in famose pellicole cinematografiche, la più memorabile è senz’altro “Fuga da Alcatraz” del 1979 con Clint Eastwood.

YERBA BUENA ISLAND

Yerba Buena Island prende il nome dalla pianta della menta che gli Spagnoli trovarono al loro arrivo in gran quantità. Per un periodo di tempo l’isola venne chiamata Goat Island poichè durante la corsa all’oro vi furono trasportate molte oche per allevarle.

Durante la guerra civile americana, l’isola fu utilizzata come postazione militare e visto che la nebbia era una fattore costante, costruirono anche il faro ottagonale ancora oggi esistente.

L’isola di Yerba Buena si trova fra San Francisco e Oakland, e il relativo Bay Brigde ci passa proprio in mezzo con un tunnel scavato nella roccia.

TREASURE ISLAND

Treasure Island è un’isola artificiale che si è formata con le rocce scavate per il tunnel del Bay Bridge e con i dragaggi dei canli all’interno della baia di San Francisco. Nei primi anni fu utilizzata per un’esposizione internazionale e per motivi militari, ora è una zona abitata.

PONTI DELLA BAIA DI SAN FRANCISCO

Sono innumerevoli i ponti che si trovano nella baia di San Francisco, tuttavia tre sono i più lunghi e importanti oltre al Golden Bay Bridge.

RICHMOND BRIDGE

Il Richmond Bridge collega la città di Richmond a San Quentin, ed ha una  lunghezza di quasi 9 km. Inaugurato nel 1953, questo ponte è stato l’ultimo della baia ad essere stato costruito, e a quel tempo, era uno dei più lunghi al mondo.

La struttura di questo ponte è a sbalzo, o cantilever, con due sezioni che possono essere sollevate per il passaggio delle navi. Proprio per la sua posizione in mezzo a due insenature della baia, con due canali di navigazione differenti, il ponte non segue un percorso lineare.

BAY BRIDGE

Il San Francisco-Oakland Bay Bridge collega proprio San Francisco a Oakland. Lungo il suo cammino di 7 km, attraversa, con un tunnel, anche l’isola di Yerba Buena. Da quel punto, in direzione di Oakland, il ponte si sdoppia su strutture separate.

Bay Bridge San Francisco Oakland
Bay Bridge San Francisco Oakland

In seguito al terremoto del 1989, una parte della porzione orientale è collassata, così il ponte originale è stato sostituito con uno più moderno e funzionale, con una struttura strallata.

Una curiosità che riguarda il San Francisco-Oakland Bridge originale è quella che fu inaugurato nel 1936, ben sei mesi prima del più famoso Golden Gate Bridge.

DUMBARTON BRIDGE

Costruito nel 1982 in cemento armato, collega Freemont ai quartieri della Silicon Valley. Questo è uno dei ponti più recenti della zona, con i suoi 2.5 km di lunghezza, ma in passato, nel 1927, qui venne costruito il primo ponte per veicoli della baia di San Francisco.

L’area circostante è una zona naturalistica con saline, acquitrini e parchi naturali con una fauna variegata composta da molte specie di uccelli e mammiferi, una vera oasi di pace.

Oltre il ponte verso sud si possono ancora vedere i ruderi del vecchio ponte ferroviario, che in seguito a un incendio nel 1998, non è più in uso. Questo ponte disponeva di una sezione movibile ancora che si può ancora vedere in posizione ruotata.

SAN FRANCISCO BAY AREA

La San Francisco Bay area è suddivisa in varie zone, ognuna delle quali con particolari peculiarità territoriali ed economiche e molte attrattive.

Nella parte orientale si trovano ad esempio la grande città di Oakland e Berkeley con una delle più importanti università americane.

A sud si trova Santa Clara Valley con grandi estensioni di frutteti e Silicon Valley così chiamata per la presenza di un gran numero di aziende tecnologiche molte improntate sull’informatica come Google e Apple, e colossi commerciali come Amazon e eBay.

A nord la Sonoma Valley e Napa Valley sono famose le grandi estensioni di vigneti che producono vini rinomati in tutto il mondo.

Per finire a ovest con la penisola di San Francisco che ha dato il nome a tutta l’area.

CONTEA DI MARIN

La Contea di Marin, situata all’estremità opposta del Golden Gate, presenta molte attrazioni facilmente raggiungibili da San francisco, che possono costituire l’itinerario di un’intera giornata, lontani dalla metropoli.

MUIR WOODS NATIONAL MONUMENT

Il Muir Woods National Monument è una bellissima foresta affacciata sull’oceano Pacifico costellata dei maestosi “redwoods”, le sequoie giganti. Il parco prende il nome dal botanico e naturalista John Muir vissuto nella metà del 1800, che tanto si è battuto per la salvaguardia di queste foreste.

Sentieri, ponti in legno e passerelle sopraelevate danno modo di visitare il parco in totale comodità e sicurezza, con viste emozionati in mezzo a questi antichi giganti che possono vivere oltre i 1000 anni e superare i 70 metri di altezza.

La meta ideale da raggiungere nel Muir Woods National Park è Cathedral Grove, dove si trova la più alta concentrazione di questi  antichi alberi.

SAUSALITO

Un luogo molto gettonato dai turisti è Sausalito, un ex villaggio di pescatori, oggi zona residenziale di un certo livello.

Adagiata in mezzo alla natura rigogliosa delle colline, presenta un bel lungomare con varie attrazioni fra cui la Yatcht Harbor dove ammirare barche di ogni tipo, e soprattutto molte houseboat colorate.

TIBURON

Da Sausalito, seguendo la costa, si raggiunte Tiburon, posizionata sua piccola penisola, il cui nome significa “squalo” in spagnolo.

Questa località di mare, collegata a San Francisco con traghetti, è molto piacevole da visitare, grazie alla sua zona pedonale piena di negozietti, boutique, ristoranti di pesce, oltre ad essere il punto dal quale partono le escursioni per la vicina isola di Angel Island.

ANGEL ISLAND

Angel Island è una delle isole dalla Baia di San Francisco, con molti sentieri e percorsi ciclabili. Vi si trovano inoltre varie spiagge, alcune sabbiose altre con ciotoli.

In caso di bagni, occorre tuttavia prestare attenzione alle correnti della baia che possono essere pericolose. Angel Island è ricca di fauna ed è possibile avvistare i leoni marini e le foche, oltre a cervi e uccelli di ogni tipo.

SKYWALKER RANCH

Nella Contea di Marin si trova, il famoso Skywalker Ranch del produttore cinematografico George Lucas, che non è comunque aperto alle visite.

Tuttavia per gli appassionati che vogliono vedere qualcosa di concreto, non resta che recarsi alla sede del Lucasfilm nel Presidio di San Francisco. Qui si ha infatti modo di ammirare da vicino qualche cimelio cinematografico della saga di Star Wars.

NAPA E SONOMA VALLEY

Napa e Sonoma Valley sono le aree dove si concentrano le maggiori estensioni di vigneti che hanno reso famosa la California in tutto il mondo anche per i suoi vini pregiati.

Girovagando per le sue strade panoramiche, come la Highway 29, è possibile  degustare vini e mangiare in ristoranti raffinati fermandosi nelle cantine e botteghe affascinanti.

I paesaggi ricordano quelli della Toscana tanto che è facile imbattersi in fantasiose riproduzioni di castelli come quello di Amorosa. Questa struttura risale agli anni ’90 quando un ricco viticoltore decise di erigerlo seguendo le tecniche costruttive medievali.

Il castello di Amorosa è caratterizzato da cinque torri difensive, gallerie segrete e un torriore. All’interno si trova inoltre una lunga sala con alti soffitti e pareti completamente affrescate, e una finta camera delle torture.

E’ possibile visitare il castello partecipando a escursioni organizzate durante le quali si degustano vini e pietanze prelibate.

Nella Napa Valley e la Sonoma Valley ci sono inoltre interessanti gallerie d’arte e numerosi resort dove è possibile fare bagni nelle sorgenti termali di origine vulcanica soprattutto presso la località di Calistoga.

Un’alternativa per visitare la Napa Valley è salire sul Napa Cable Car, una specie di tram su strada, che effettua gite giornaliere con fermate alle varie cantine.

L’alternativa è il Wine Train, un treno storico con un’ambientazione vintage, che compie un tragitto di 60 km, in mezzo alla campagna, fermandosi anch’esso nelle cantine più rinomate. Il viaggio in questo caso è accompagnato da pasti di un certo livello che rendono l’esperienza della Napa Valley ancora più indimenticabile.

OAKLAND

Situata oltre il Bay Bridge, Oakland costituisce una meta alternativa per una visita nei dintorni della Baia di San Francisco.

Quartieri multiculturali, una downtown con grattacieli, locali di cucina internazionale e alla moda e il Jack London Square sono solo alcuni dei luoghi da visitare.

Questo ultimo in particolare prende il nome dal famoso scrittore Jack London, che amava sedersi a prendere appunti, per i suoi libri di avventure, nello storico locale Heinold’s First and Last Chance Saloon, ancora esistente.

La statua dello scrittore si trova sul lungomare che è anche il luogo adatto dove praticare attività all’aperto, andare in canoa, ammirare navi storiche.

Il Jack London Square è un’area dove trovare divertimenti e intrattenimenti di vario genere, ascoltare musica e partecipare a eventi e manifestazioni.

Un altro punto interessante di Oakland è la città vecchia con abitazioni vittoriane, dai muri in mattoni, torrette e decorazioni architettoniche. Le strade sono abbellite da lampioni in ferro e sono molto accoglienti con librerie, mercatini e ristoranti originali.

Oakland vanta una ricca vita culturale, grazie alla presenza di molte gallerie d’arte, spesso ubicate in edifici industriali, grandi musei ed è animata da eventi musicali in ogni stagione.

Il museo delle scienze Chabot Space e Science Space riserva grandi sorprese con il grande telescopio e il bellissimo planetario che proietta interessanti filmati a tema.

BERKELEY

Berkeley, a pochi km da Oakland, evoca subito il famoso campus universitario, ma non è solo questo. La cittadina, situata in una zona tranquilla e verdeggiante, è permeata da un’atmosfera rilassata e bohemiene con negozietti esotici e ristorantini alternativi.

La cittadina prende il nome dal vescovo e filosofo George Berkeley, mentre il campus universitario sorse nel 1868. La sua impronta multiculturale deriva tuttavia  dall’arrivo di molti artisti che si rifugiarono qui in seguito al terremoto di San Francisco del 1906.

I movimenti liberali degli anni sessanta lasciarono infatti una forte eredità ancora oggi visibile nello stile di vita dei suoi cittadini. Eventi artistici e spettacoli alternativi, murales colorati decorano ogni angolo di Berkeley.

Fra i vari college si distingue l’Università della California che è strutturata in varie edifici. Importanti eventi storici, come manifestazioni per la libertà di parola o discorsi di presidenti americani si sono tenuti proprio in questi luoghi.

Un’altissima torre, sopranominata “il campanile” proprio per la sua somiglianza con quello di Venezia, è l’emblema di Berkeley. Si tratta della Sathet Tower, che al momento della sua costruzione è stata la terza torre più alta al mondo.

Dai suoi 94 metri di altezza è possibile ammirare una spettacolare vista su tutta l’area. Inoltre i concerti del suo carrillon con 61 campanelle si possono ascoltare ben tre volte al giorno.

Berkeley è dotata di molti parchi e giardini botanici, oltre alla Marina dove praticare attività all’aria aperta e trovare locali e aree commerciali di vario genere.

SILICON VALLEY

La Silicon Valley, a sud di San Francisco, costituisce uno dei poli tecnologici e scientifici fra i più importanti del mondo.

Il nome deriva dal silicio utilizzato dalle prime aziende informatiche per produrre i microchip per computer.

Aziende internazionali sono sorte proprio in questa parte della California e, con il tempo, si sono ingrandite costruendosi sedi in strutture architettoniche futuristiche.

L’Apple Park ne è un esempio con il suo grande anello, inaugurato nel 2017, che ospita oltre 12.000 dipendenti, il tutto seguendo canoni rispettosi dell’ambiente. La struttura è infatti rivestita da pannelli fotovoltaici e all’interno dell’anello si trova un vasto parco con tanto di laghetto.

L’unico luogo dove possono accedere i turisti è l’Apple Park Visitor Center, nel quale si trova una caffetteria, un negozio di gadgets e una terrazza panoramica. Per gli appassionati costituisce senz’altro una meta da non perdere.

Un altro gigante dell’informatica è Google che ha sede a Mountain View nel Googleplex, un complesso di  oltre 60 edifici. In questo caso si possono visitare alcune aree esterne, come il Google Android lawn Statue, dove sono sistemate curiose e simpatiche riproduzioni dei vari sistemi operativi di Android. Nel Google Merchandise Store invece ci si può dedicare alla ricerca di gadgets a tema, mentre all’entrata del complesso attende il robottino verde di Android.

Altri colossi internazionali nella Silicon Valley sono Netflix, Intel, Facebook, Instagram, Twitter, Youtube, Yahoo, senza dimenticare quelli dell’e-commerce come ebay e Amazon visibili tuttavia solo dall’esterno, da dove immortalare solo il loro marchio con uno scatto fotografico.

STANFORD UNIVERSITY

Un’altra famosa università della California è Stanford University, a sud di San Francisco. Il suo campus è molto vasto edifici intervallati da vialetti, fontane, statue e giardini come quello dei cactus.

L’esplorazione può avvenire in autonomia o partecipando a visite guidate, per poter accedere in alcuni edifici. La Hoover Tower è una torre panoramica al centro del campus dalla quale ammirare tutta la zona a 360 gradi.

continua il viaggio Stati Uniti Occidentali!!

Stati Uniti occidentali on the road!!

gallery Stati Uniti occidentali!!

 

 

 

Please follow and like us:

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!